MARTINE ROSE SS’20

Martine Rose è una designer londinese il cui marchio omonimo è diventato un cult del design maschile dal 2007. È nota per il suo approccio anticonvenzionale nel presentare le collezioni, mostrandosi al di fuori del programma nei locali del nord di Londra, come i centri di arrampicata su roccia e i mercati.

Cresciuta circondata da un melting pot di sottoculture nel sud di Londra, tra cui le scene rave e reggae degli anni ’90, l’interazione di Rose con diverse comunità ispira la sua estetica.

Ricordo di essere stata molto consapevole dell’incontro di diversi tipi di persone, ha detto a Ssense in un’intervista. È difficile da descrivere perchè era molto più di una sensazione o un senso di qualcosa, che è in realtà il mio modo di progettare, ha aggiunto.

Laureatasi alla Middlesex University nel 2002, Martine ha creato la sua prima etichetta LMNOP l’anno successivo con Tamara Rothstein. Dopo aver chiuso l’attività nel 2005, Rose ha lanciato il suo progetto – iniziato come marchio di camicie da uomo – poco dopo, ricevendo un prestito di 1.500 sterline dall’ente di beneficenza britannico Prince’s Trust, che offre supporto finanziario e di mentoring ai giovani imprenditori. 

Inizialmente sostenuta da Fashion East, Rose ha ricevuto anche la sponsorizzazione dei premi NEWGEN MEN del British Fashion Council.

L’abbigliamento di Rose è fornito a livello locale e internazionale da aziende del calibro di Matches Fashion, Machine-A, Barneys New York e Ssense. Nonostante si collochi saldamente nella categoria dell’abbigliamento maschile, l’etichetta si inserisce anche in una crescente fanbase di donne. Attraverso il suo marchio, Rose ha collaborato con artisti del calibro di Been Trill, Timberland e CAT.

Nel 2017, Rose è stata nominata per il prestigioso premio ANDAM per gli stilisti emergenti ed è stata selezionata per il premio LVMH. Nel 2018, è stata anche nominata per il British Designer of the Year del BFC per l’abbigliamento maschile. 

 

NEW COLLECTION SS’20

In un giardino pensile in cima a un edificio aziendale nella City di Londra, Martine Rose propone un flusso bizzarro di personaggi stravaganti che indossano abiti che rappresentano i ricordi della cultura dei club negli anni Ottanta.

Come il Loverboy show di Charles Jeffrey, è stata una risposta provocatoria e ancor più rabbiosa al disordine politico in cui versa la Gran Bretagna, senza alcuna risoluzione nei confronti della Brexit e senza la minima fiducia nei politici. 

Indossava una maglietta con lo slogan Promising Britain con una vignetta di un clown circondato da stelle della bandiera dell’Unione Europea quando è uscita per spiegare la sua collezione – un’accusa satirica e spuntata di quello che sta succedendo nelle Camere del Parlamento da mesi e mesi. È ridicolo ma terrificante allo stesso tempo. Sono pagliacci, politici. E ho scelto di venire qui in questo luogo come commento sugli affari che lasciano la Gran Bretagna. Ed è per questo che qui vedrete dei tagli che sono al rovescio e al contrario. È tutto confuso, come quello che sta succedendo qui e anche a livello internazionale. Giocoso, ma sinistro, direi, ha detto.

Per quanto riguarda la moda, realizza pantaloni chino sartoriali con tasche cargo, giacche con drappeggio a tre quarti e camicie con stampa a fisarmonica. 

Rose ha concluso sai, di solito non sono una persona pessimista. Sono un ottimista. Penso che, alla fine, qualunque cosa accada, ci sono sempre delle persone. Credo nelle nostre relazioni. Ed è per questo che ho messo nel mio distintivo Magic Things Ahead Things.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...